Fattura con reverse charge

Le modalità con cui il sistema registra il reverse charge sono due:
  • autofattura : viene registrato il documento fornitore senza IVA e poi vengono generate in automatico una autofattura nel registro acquisti (intestata a Fornitore autofatture generato dal sistema), ed una in quello delle vendite (ad un cliente con lo stesso nome del fornitore preceduto da R.C. e generato in automatico se non presente), che si pareggiano automaticamente.
  • integrazione : l’iva viene esposta sulla fattura del fornitore e viene generata una autofattura nel registro vendite (ad un cliente con lo stesso nome del fornitore preceduto da R.C. e generato in automatico se non presente), che si pareggia automaticamente.

Per ottenere automaticamente le registrazioni di fatture fornitori in reverse charge con autofattura o con integrazione iva è necessario predisporre il sistema con i seguenti dati:

Tabella Tipo Reverse Charge

Definire nella tabella Tipi reverse charge le tipologie di reverse charge e per ciascuno indicare:

  • codice : codice abbreviato mnemonico
  • descrizione : descrizione più dettagliata
  • modalità : se si tratta di autofattura o integrazione
../../../_images/00_tipo_reverse_charge.png

Tabella Classi iva

Inserire per ogni tipologia di reverse charge un elemento nella tabella classi iva e per ciascuno indicare:

  • codice : codice abbreviato mnemonico
  • descrizione : descrizione breve
  • descrizione estesa : descrizione più dettagliata
  • modalità iva : se si tratta di autofattura o integrazione
  • Rev.Charge : il tipo reverse charge filtrato sulla modalità iva
  • Regime : selezionare l’operazione fuori campo iva
  • Natura : selezionare il codice natura N6 - Inversione contabile (reverse charge)
../../../_images/01_classi_iva_reverse.png

Fornitore

Nel fornitore è necessario inserire come classe iva speciale quella relativa al reverse charge.

../../../_images/coge_rcint.png

Tabella Tipi fornitura

Infine è necessario definire i tipi fornitura che devono essere trattati con il reverse charge indicando nello specifico la tipologia di Rev. charge e come classe iva sempre il regime ordinario.

../../../_images/schermata-2020-04-06-alle-152613.png

Solo in caso di Reverse charge integrazione la fattura può contenere sia forniture soggette a reverse charge sia forniture soggette a Iva normale come ad esempio le fatture dalle Imprese di manutenzione o di pulizia.

In questo caso è possibile usare un unico tipo fornitura basta che abbia indicato il tipo di reverse charge e se si vuole registrare una fornitura non soggetta a reverse charge bisogna svuotare il campo della colonna Reverse charge R.C.

../../../_images/06_coge_rcintscrittura.png

Oppure si possono inserire due tipi fornitura uno con e uno senza l’indicazione del Rev. charge:

  • Servizi di pulizia (RC) che avrà come Rev. charge un tipo di Reverse charge integrazione
  • Servizi di pulizia
../../../_images/coge_tipirc.png

Una volta impostati correttamente i dati basta registrare una normale fattura da fornitore .